• Alice Cipriani

Progetto LIFE M.I.R.CO.-Lupo: risultati e considerazioni

Si è concluso il progetto LIFE M.I.R.CO.-Lupo (acronimo che sta per: Minimizzare l’Impatto del Randagismo canino sulla COnservazione del lupo in Italia) e ieri sono stati presentati i risultati in diretta Zoom.

Il progetto è iniziato il 1/01/2015 ed è terminato il 31/3/2020. Finalità del progetto era la conservazione del lupo in Italia, riducendo l’impatto del randagismo canino, ponendo particolare attenzione all’ibridazione antropogenica (con cani vaganti e/o rinselvatichiti) e alla conseguente perdita d’identità genetica della specie.

Gli obiettivi individuati erano:

1. sviluppare una definizione operativa di ibrido lupo-cane;

2. produrre stime inerenti alla prevalenza del fenomeno dell’ibridazione a livello locale;

3. monitorare il fenomeno a monte e a valle degli interventi gestionali; sviluppare un processo decisionale partecipato e condiviso sulla gestione degli ibridi;

4. fornire alle amministrazioni competenti informazioni chiare ed univoche;

5. verificare l’efficacia e la sostenibilità degli interventi di cattura e sterilizzazione degli ibridi;

6. sensibilizzare ed informare l’opinione pubblica.

Il progetto, che si è svolto presso il Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano e il Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga, ha visto il coinvolgimento di Corpo Forestale dello Stato, società Carsa Edizioni e Comunicazione di Pescara e associazione non profit Istituto di Ecologia Applicata di Roma.

Lo studio si riproponeva anche di istituire una squadra cinofila antiveleno e la collaborazione con il Corpo Forestale, per le azioni antibracconaggio, e l’ASL, per risalire alle cause di morte.

Nella stragrande maggioranza dei casi i lupi (o meglio quelli che è stato possibile recuperare) muoiono in seguito ad impatto veicolare, interessante rilevare che in qualche caso le carcasse rinvenute presentassero segni dovuti a pregresse fucilate, non mortali per l’animale.

Una delle azioni previste dallo studio era la cattura, sterilizzazione e rilascio degli ibridi lupo-cane, molti dei quali sono anche stati dotati di radiocollare in modo da poterne seguire spostamenti e comportamenti.

Uno dei grandi temi continua a riguardare la fase di dispersione dei giovani lupi e degli ibridi che causa l’allontanamento dal territorio natale, percorrendo fino a migliaia di chilometri in pochi mesi. Importantissimo verificare le differenze di comportamento tra lupi puri e ibridi di diverse generazioni per capire se questi ultimi siano portati a sviluppare atteggiamenti più confidenti verso l’uomo, avvicinandosi ad abitazioni e attività zootecniche.

Gli ibridi predano attivamente o sono perlopiù necrofagi, cioè si nutrono di animali già morti? A questa domanda si cercherà di dare una risposta attraverso After Life, la fase successiva e continuativa del progetto che proseguirà nei due parchi nazionali interessati.


#lupi

#grandipredatori

#lupo

#wilderness

#ecologia

#ambiente

#natura

#wildlife


Se vuoi conoscere altre curiosità sul lupo acquista il libro

I SEGRETI DEI LUPI

scoprirli per amarli

di Alice Cipriani


Inserisci in fase di acquisto

il codice

SCONTOLUPI19

e lo paghi solo 9,00

(invece di 13,00 €)



Inserisci in fase di acquisto il codice

SCONTOLUPI19

e lo paghi solo 9,00

(invece di 13,00 €)

  • https://www.facebook.com/noctuabook/
  • LinkedIn - Black Circle

©2019 by Noctua book

Via Tazio Nuvolari 44/A 43122Parma P.Iva IT01605450335